Nuovo look per il Calendar di G Suite!

calendar new

Nuovo look per il Calendar di G Suite

Questa mattina Google ha rilasciato una nuova interfaccia web per il Calendario di GSuite! Oltre ad un aspetto grafico migliorato, la nuova user experience definita dal Team di G Suite permette agli utenti di velocizzare la personalizzazione e la gestione dei calendari direttamente dalla pagina principale.

Come prima, più di prima!

Maggiori informazioni sull’evento, migliore gestione degli spazi condivisi, visualizzazioni personalizzate e molto altro!

Il nuovo Calendar sarà possibile abilitarlo solo su alcuni domini. Come da tradizione, infatti, la fase di rilascio sarà gradualmente estesa a tutte le utenze nelle prossime settimane.

Tra le nuove features che velocizzeranno ancor più la gestione delle nostre attività organizzative, abbiamo la possibilità di ottenere più dettagli in anteprima, senza entrare nell’evento specifico per visualizzarne descrizione, allegati e altro.

Interessante è anche la nuova visualizzazione “giorno” del calendario che diversamente dalla versione precedente, non sovrappone più gli eventi dei diversi calendari condivisi, ma vengono ordinati in colonne separate, ognuna corrispondente al calendario dei vari utenti.

In tal modo sarà più facile, per chi in azienda si occupa della gestione dei calendari, avere un quadro chiaro delle disponibilità per la gestione delle risorse utente.

DayView-Blog (2)

Ad essere ottimizzata nella nuova versione del Calendar di G Suite è anche la gestione delle sale condivise, rendendo possibile visualizzare dettagli, quali la dimensione della sala, posti disponibili, allocazione della stessa e altro, direttamente in una finestra che si aprirà nel momento in cui si riserva una sala.

CalendarSRI-blog (2)

Google Drive: lavorare senza vincoli

drive g suite

Google Drive: lavorare senza vincoli

Chi di voi non ha mai sentito parlare o ha almeno un account Gmail? E quanti di voi conoscono la sua versione business G Suite ed il suo reale potenziale?

Quando parliamo della suite di Google, si crea generalmente un’associazione mentale tra gli utenti, che fa corrispondere la G Suite al solo servizio di Posta Elettronica, che pertanto è lo strumento che desta maggior interesse. Questo perché Gmail è di uso comune anche tra gli utenti non-business e ritrovarsi uno strumento conosciuto anche all’interno del proprio ambiente lavorativo, sicuramente aiuta non poco.

Quel che molti escludono, ma che rappresenta a mio parere la vera innovazione tecnologica, è il Google Drive di G Suite.

Con questo strumento non siamo più confinati all’interno del nostro PC, tutto il nostro mondo lavorativo si sposta insieme a noi ed è accessibile in maniera semplice e veloce su qualsiasi dispositivo che abbia una connessione ad Internet.

Pensate per un attimo a quello che succedeva quando il nostro amato PC aziendale doveva essere formattato: il tecnico doveva intervenire, fare un backup dei nostri dati, reinstallare, oltre all’OS, anche la nostra suite di lavoro e poi ripristinare i dati. E non parliamo di quando un HD danneggiato ci faceva perdere anni di lavoro, documenti importantissimi.

Ecco, questa è la vera innovazione: accendere il PC, fare un Login su Google e in pochi secondi abbiamo già tutto pronto. Non abbiamo bisogno di software pesanti installati sulla nostra macchina, licenze costose, upgrade continui. Un documento che viene perduto solo perchè non avevamo salvato quando è andata via la corrente o quando il nostro software è crashato.

Con Google Drive, con le sue App Documenti, Fogli di lavoro, Presentazioni e Moduli, tutto questo è preistoria: salvataggi automatici ad ogni inserimento; nessun software installato sulla macchina; cronologia delle revisioni dalla nascita del documento alla sua cancellazione; lavoro a più mani in tempo reale; condivisione in sola Visualizzazione, solo Commenti o in Modifica in un click. Tutte cose che ci permettono di lavorare in mobilità, senza vincoli e in tutta sicurezza proiettati nel futuro.

Drive di G Suite rivoluziona il paradigma del lavoro sostituendo l’hic et nunc che ti lega al tuo ufficio con l’any time and any where.