AWS è ufficialmente certificato AgID!

aws agid

AWS è ufficialmente certificato AgID!

Amazon Web Services è da oggi presente nel Marketplace Cloud della PA, la piattaforma che espone i servizi e le infrastrutture qualificate da AgID.

Il provider di Infrastrutture Cloud più grande al mondo, ha ottenuto la certificazione AgID rispondendo adeguatamente ai requisiti di qualità fissati dall’Agenzia, ovvero: sicurezza e affidabilità che sono alla base del design delle soluzioni AWS.

Traguardo importante per il colosso Amazon che da sempre permette di ottimizzare la produttività dei sistemi Ict, di conseguire significative riduzioni di costi, oltre che di migliorare la sicurezza e la protezione dei dati dei suoi utenti.

AWS annuncia una nuova Region in Italia: Milano!

partner aws italia

Img: Pixnio

AWS aprirà una nuova regione infrastrutturale a Milano!

Preceduta da Francia, Germania, Irlanda, Regno Unito e Svezia, l’Italia e più esattamente Milano sarà la nuova regione infrastrutturale di Amazon Web Services in Europa!

In virtù dei numerosi investimenti delle aziende italiane nella rete infrastrutturale aws, Amazon Web Services Inc. ha dimostrato già dal 2012 un interesse nei confronti delle aziende italiane che culminerà con la realizzazione di tre Availability Zone (datacenter fisicamente separati) a Milano. In tal modo, la nuova region permetterà alle organizzazioni di fornire una latenza inferiore agli utenti finali in Italia, oltre che soddisfare la richiesta di organizzazioni italiane con requisiti di residenza per l’archiviazione e gestione dei dati, soddisfacendo i massimi livelli di sicurezza, conformità e protezione dei dati.

L’entusiasmo con cui è stata accolta la notizia da utenti e APN Partner accresce l’aspettativa di un’ondata di innovazione e imprenditorialità che divamperà su tutto il tessuto produttivo italiano. Dei milioni di clienti attivi che utilizzano AWS ogni mese, molti sono in Italia e, tra questi, aziende come la Ferrero, Enel, Mediaset, hanno scelto di trasferire i loro carichi di lavoro ad AWS per ridurre i costi, accelerare l’innovazione e accelerare il time-to-market.

La città di Milano è già sede di infrastrutture Amazon. Già nel 2012, infatti, AWS ha lanciato un Point of Presence (PoP) a Milano, che attualmente fornisce i servizi Amazon CloudFront, Amazon Route 53, AWS Shield e AWS WAF al paese. Successivamente nel 2016, AWS ha acquisito l’azienda italiana leader nella distribuzione di software e servizi NICE Software e nel 2017, è stata istituita una seconda sede PoP a Palermo.

“AWS è una componente fondamentale della nostra strategia di innovazione, quindi avere una regione in Italia non farà altro che accelerare la nostra innovazione e trasformare il nostro business” dice Daniele Benedetti, Head of ICT Architectures and Innovation in Pirelli.

Fiduciosi del sostegno dei Partner, composti da team certificati aws come il gruppo ElastiCloudConsulting della Epsilon srl (Partner AWS Italia), i CEO Amazon sono certi dell’adozione e passaggio al cloud Amazon di aziende italiane desiderose di accelerare e innovare il proprio business.

Sapevi che in cloud i tuoi dati sono più sicuri che in locale?

cloud security

Sapevi che in cloud i tuoi dati sono più sicuri che in locale?

L’associazione Clusit (Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica), nel suo rapporto 2018 sulla sicurezza ICT in Italia, ha evidenziato un incremento del 30% di attacchi informatici gravi negli ultimi 3 anni.

Le principali categorie di attacchi riguardano il Cybercrime e lo Spionaggio Industriale, attraverso cui gli hacker mirano ad acquisire vantaggi economici, danneggiando il business delle aziende e sottraendo, o negando, l’accesso ad informazioni sensibili dell’azienda.

Gli ambiti che più frequentemente sono presi di mira da malintenzionati, sono quelli del Banking&Finance, Software&Hardware vendor, Research&Education. Sebbene un incremento esponenziale sia stato rilevato nel settore definito “Multiple Targets”, ossia il settore che racchiude tutte le altre tipologie di business non identificabili in una specifica categoria unica.

security-assessment

Queste evidenze sottolineano quanto sia fondamentale affrontare temi di sicurezza qualunque sia il core business di un’azienda. Contestualmente, numerosi studi evidenziano i molteplici vantaggi in termini di sicurezza legati all’utilizzo del Cloud.

Primo tra questi, è che tutti i Cloud Provider sono obbligati a soddisfare un insieme di requisiti di sicurezza e ad assicurare che tutti i dati sensibili trattati siano protetti ed aderenti a precisi standard. Una delle certificazioni più importanti è la ISO 27001, che è garantita da provider leader quali AWS e Google Cloud Platform.

Ogni azienda dovrebbe pensare al proprio piano di messa in sicurezza del patrimonio informativo aziendale, già a partire dai sistemi di gestione Back Office utilizzati, ovvero per la gestione della posta elettronica, la condivisione di documenti, la chat tra colleghi.

Per comprenderne l’importanza, basta pensare che uno degli attacchi informatici più frequenti parte da quella che sembrerebbe una normale email, proveniente da un destinatario che si direbbe sicuro, i cui allegati, invece, contengono virus potenzialmente distruttivi.

Leader di mercato per la gestione della posta elettronica è Google con la sua soluzione Cloud G Suite. Ponendosi come strumento essenziale per chiunque voglia utilizzare nel proprio business un approccio moderno alla gestione aziendale, la G Suite di Google offre alle aziende strumenti e livelli di sicurezza insiti nelle applicazioni della piattaforma stessa.

Particolarmente, in Gmail l’utente ha a disposizione una serie di configurazioni automatiche e di filtri anti-spam, oltre che una gestione automatica dei Mail Servers che sono a carico del team Google, in grado di gestire le minacce informatiche attraverso sistemi di Vulnerability Managment che rilevano e prioritizzano le minacce rilevate in ordine di criticità.

Non utilizzando soluzioni Cloud, sarebbe necessario configurare manualmente i propri Mail Servers, rischiando di incorrere in errori che potenzialmente espongono a vulnerabilità quali SMTP Open Relay, E-Mail Header Injection, Spamming, DoS.
La G Suite si attiene ai più importanti standard di security: EY Point, ISO 27001, AICPA SOC.
Nello specifico, la gestione della sicurezza del mondo Cloud Google è affidata a team altamente qualificati: vi è un Security Team che lavora alla progettazione delle infrastrutture sottostanti alla suite, un team di privacy che garantisce la conformità e aderenza a standard europei di privacy (GDPR), un team di “audit” che effettua controlli periodici su sistemi e processi.

Google garantisce sicurezza e affidabilità di tutti i suoi servizi offrendo alle aziende gli stessi livelli di sicurezza che utilizza per il proprio business. Attaccare un’azienda che lavora col Cloud Google significherebbe attaccare Google stesso: praticamente impossibile.

Intelligenza Artificiale di Amazon Web Services.

intelligenza artificiale

Intelligenza Artificiale di Amazon Web Services

Pur non esistendo una singola definizione di Intelligenza Artificiale (IA) che sia universalmente accettata, si può dire genericamente che l’IA è la scienza che si occupa della creazione di macchine che riproducono attività tipiche dell’intelligenza umana come, ad esempio, l’apprendimento, il ragionamento, la risoluzione di problemi.

L’Intelligenza Artificiale è già presente nella nostra vita quotidiana: basti pensare agli assistenti vocali dei nostri smartphone, ai suggerimenti su misura dei siti di e-commerce, video e music streaming, ai filtri anti-spam utilizzati in alcuni provider di posta elettronica, al riconoscimento facciale utilizzato in alcuni social network.

Più nello specifico, queste ultime sono applicazioni particolari di un problema più generico appartenente all’Intelligenza Artificiale, ovvero il Machine Learning, che si occupa della creazione di macchine intelligenti capaci di apprendere tramite l’esperienza derivante dall’analisi di dati.

Esistono diversi provider di servizi Cloud. Tra questi, Amazon Web Services, offre agli sviluppatori Amazon Machine Learning per risolvere problemi legati al mondo del machine learning.

Questo servizio permette la creazione di automi che, dopo una fase di apprendimento basata su dati forniti dall’utente, sviluppano una loro intelligenza che gli permette ad esempio di classificare dati in due o più categorie, o effettuare previsioni. Questi automi sono caratterizzati dal fatto che, maggiore è la quantità di dati di cui essi dispongono nella fase di apprendimento, maggiore è l’intelligenza che essi “sviluppano” e più precisi saranno i risultati delle loro elaborazioni. Ecco perché oggi l’IA è strettamente legata ad una serie di tecnologie utili alla raccolta, trasformazione ed elaborazione di grandi moli di dati.

Particolarmente, AWS offre servizi a supporto di tali tecnologie, come:

  • Redshift per il data warehousing
  • Kinesis Streams per il data mining di flussi di dati continui
  • AWS IoT per l’utilizzo di dispositivi IoT i cui sensori possono aumentare ulteriormente la quantità di dati disponibili per l’apprendimento

Insieme ad Amazon Machine Learning, AWS dispone anche di una serie di servizi che prevedono soluzioni già implementate a problemi più specifici e che sono di uso comune nelle applicazioni odierne, come:

  • Amazon Lex, che rende possibile la creazione di interfacce di comunicazione che permettono all’utente di comunicare con un’applicazione tramite voce o testo. Su questa tecnologia si basa Alexa, l’assistente vocale open source di Amazon, per il quale gli sviluppatori dispongono già degli strumenti necessari per aggiungere nuovi comandi vocali alle proprie applicazioni.
  • Amazon Polly, che effettua la sintesi vocale in diverse lingue a partire da un testo, in maniera estremamente simile ad una voce umana.
  • Amazon Rekognition, che a partire da un’immagine, riconosce caratteristiche e concetti rappresentati al loro interno, il rilevamento di contenuti espliciti, l’analisi delle caratteristiche di un volto, il confronto di volti in immagini diverse.

L’Intelligenza Artificiale rappresenta il futuro prossimo delle aziende. Ed è in tal contesto che il big Amazon si pone come guida di un tragitto che porterà l’intelligenza artificiale a tutti gli sviluppatori che intendano sfruttarne il potenziale.